Stretching, 4 esercizi per stare bene

Share

La parola stretching non rientra nel tuo vocabolario?

Anche tu sei entrato in quella fase in cui il corpo inizia a “scricchiolare” ogni tanto, ti consiglio di dedicare almeno 7-10 minuti al giorno allo stretching.

Come farlo? Semplice: esegui ogni esercizio per circa 30 secondi, termina l’intero ciclo e ripetilo appunto per una decina di minuti.

“Ho bisogno di movimento fisico, altrimenti il mio carattere si guasta.”
(Lev Tolstoj)

Prima di tutto per almeno i primi 3 minuti ti consiglio di eseguire i seguenti esercizi a bassa intensità in modo da riscaldare efficacemente i tuoi muscoli

Per le gambe

Stretching per le gambe

Stretching per le gambe

Nel primo esercizio devi sdraiarti per terra con la schiena perfettamente aderente al pavimento e solleva una gamba per volta. Devi infine posizionare le mani poco sotto il ginocchio e portare la gamba il più vicino al petto. Non essere troppo veloce, e ricordati che l’importante è non curvare la schiena, ma tienila aderente al pavimento!

 

Per le braccia

Stretching per le braccia

Stretching per le braccia

Questa volta dovrai stare in piedi. Devi semplicemente posizionare un braccio dritto e orizzontale al petto. Tieni la mano aperta “ a pala”. Posiziona l’altra mano in prossimità del gomito del braccio così teso e avvicinalo al petto essere brusco, ma fai le cose con calma.

 

 

 

 

Per il collo

Stretching per il collo

Stretching per il collo

Cerca di tenere le spalle abbassate ed il collo dritto (ma non teso!). Ora con una mano prenditi la testa sul lato opposto e tirala verso il lato della mano stessa. Come in figura. Ripeti poi dall’altra parte

 

 

 

 

Per il viso

Posizionati davanti uno specchio ed inizia fare delle smorfie in modo da tirare i tuoi muscoli facciali. Su Youtube trovi molti video su come eseguire al meglio la ginnastica facciale
Fatto? Ora ripeti il tutto per almeno 7-10 minuti e vedrai che col tempo, il tuo corpo diverrà meno “croccante” e più elastico!

Share

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *